Author Archive

India

This slideshow requires JavaScript.

 

SAMEENA

It’s strange to be writing about India sitting now fully absorbed by Nepal. As usual and rather thankfully the traveling life has got the better of us and somehow photos and digital communication has taken a back seat. Our time in India has been characterized by an infinity of technical and bureaucratic problems in critical moments, a constant reminder that problems can and will be resolved in unforeseen ways, if only faith is present. India has this time filled me with unease, thankfully punctuated with glimmers of hope and positivity enforced by the many beautiful encounters with generous and like minded people .I think my unease came from the acknowledgment that the world is changing much faster than i can imagine, my imaginary time scale is out of date and in just 5 years i have found a very different India, much too fast and much too noisy for my country ears and eyes.

The highlights have been the unexpected and chance meeting of old and lost friends in Pushkar, the making of many new friends especially in Udaipur at Shikshantar (where we stayed as guests for over 10 days) , the unexpected landscapes of the Thar desert and the infinite kindness of our various saviors in Delhi. There have been many uncomfortable moments with our truck: broken clutch bearings, broken springs, broken fan and radiator….and of course the inevitable broken rims, thankfully all behind us now….

For the children, many rich experiences, beautiful Rajasthani forts, small farms with fresh milk, wood carving and puppet lessons, the constant company of cows, rock climbing and camel rides, all punctuated by the happy company of Nils and Theo (their small german teacher)

Ahead the open roads of Nepal and the prospect of one months trek with the children, and a few months of pure mountain air…

LUSIRA

India, traffico e musica a tutto volume. Pero’ nei vicoli stretti si trovano posti con anziani che sorseggiano chai. Secondo me l’India senza chai non funzionerebbe neanche un ora, tutto andrebbe in tilt. Per il compleanno di Giulio abbiamo trovato 10 dune, e io e mamma abbiamo fatto una torta di mele. Pero’ dove ci siamo accampati ,vicino a queste dune che Giulio aveva scelto per il suo compleanno, c’era un villaggio , e allora dalle 9 di mattina alle 6 di sera era pieno di persone. Non avevano mai visto una casa che si muove, per cui per loro noi eravamo un teatro. Mamma ha tirato fuori la sua fisarmonica e tutte le signore sono venute a vedere mamma che suonava e si sono messi a ridere. Dopo volevano che Tanja ballasse. Il giorno dopo tutte le signore avevano chiamato le loro amiche per venire ad assistere al ballo di Tanja! Pero’ Tanja non aveva nessuna voglia di ballare. Tanja, Harald, Nils e Teo sono i nostri amici e compagni di viaggio, e loro hanno anche un camion. Alla fine della giornata Giulio e Nils sono andati a casa di un signore del villaggio, e a questa casa gli hanno offerto il latte di bufalo. Giulio dice che non ha mai bevuto del latte cosi buono e cosi pieno di sapore. Dopo siamo andati ad Udaipur a Shikshantar, dove mamma doveva lavorare. In questo posto c’era una bici frullatore, se pedalavi girava anche il frullatore, e ogni mattina io e Giulio preparavamo un buonissimo frullato di banane.

GIULIO

India e fatto di clacson pero’ se vai nelle stradine ci sono i vecchietti che fumano e le vecchiette che cucinano i ‘roti’ e sorseggiano il ‘chai’ e i bambini che giocano con i fiammiferi, invece se vai in New Dehli ce una confusione tremenda. Noi abbiamo trovato un parco che si chiamava ‘Neru park’ c’erano alberi e un posto dove si facevano i esercizi. Al mio compleanno abbiamo trovato delle dune, la mattina del mio compleanno quando mi sono svegliato mamma e papa’ e Lusira erano gia’ svegli e mi hanno cantato tanti auguri e mi hanno detto di andare sul letto di Lusira perché’ loro preparavano il tavolo . Quando sono uscito Lusira mi ha regalato un coltello decorato dei sihk, dopo mamma e papa’ mi hanno detto di andare sul tetto. Quando sono andato sul tetto c’era un scatolone con delle bandierine, io l’ho guardato e poi ho guardato da tutt’altra parte poi ho chiesto a mamma le forbici e ho tagliato le corde del scatolone e poi ho tirato su lo scatolone pero’ non ci riuscivo , allora ho chiesto a papa’ di aiutarmi. Quando ero dentro il camion ho iniziato ad aprirlo, quando il scatolone era distrutto ho visto il regalo ‘UNA BICI!!’ A pranzo abbiamo fato un barbecue, e dopo pranzo Harald aveva preparato dei ‘muffins’ al cioccolato. Dopo quello Lusira e Tania e mamma avevano preparato una torta di mele . Al tramonto siamo andati giù per le dune con la bici e i bambini del villaggio quando dicevo ‘uper uper’ mi portavano la bici su le dune, e alla fine li lasciavo fare un giretto.

dehl3836

India Rumore

India e fata di claxon,

di rumore e traffico,

di musica martellante e tantissima gente

…anche nei posti più vuoti,

di letti di fiume e cani randagi,

e di milioni di mucche, e gente carina.

Advertisements

Pakistan

This slideshow requires JavaScript.

SAMEENA:

Our entrance into the small dusty boarder post of Taftan was to say the least dramatic. In Iran on the other side, the morning started early. After 4 hard stressful days on the baking roadside and in noisy, dusty tyre repair shops, Luca leaves at 5 in the morning. We have no more spare tires and the back 2 are ready to give out on us any minute; we hope that the cool morning air will help us hobble over the boarder to Pakistan, where we are told we can finally replace them. The air is still cool and I wake with two naked children slipping into my bed.The truck stops and I imagine Luca ,extra cautious ,checking the tires..but no, a knock on the door. Lusira checks through a small crack in the curtain, and to my horror tells me it’s the Iranian customs officer. In my panic I rather irrationally dart out of bed and grab the violet scarf that has accompanied me over the last 6 weeks, and in one hurried leap am back deep under the covers, I adjust the scarf to modestly cover my head disguising my nudity, as Lusira and Giulio titter uncontrollably beside me with unbelieving eyes when the customs officer climbs in and strides over over to us unperturbed….Yes that’s the fridge, I force a polite smile, those are the clothes cupboards …and no we have nothing to declare! Over the boarder the atmosphere is relaxed, in a small brick room on a rickety bench a soldier smiles “you’re in Pakistan now , you don’t have to cover your head” I free my sweaty hair relieved and smile back. Chai is offered at the customs office, neatly arranged around a plate of biscuits. The customs officers brother lives in Italy and he’s happy to exchange a few words, he’s ready to help us, but the police escort wants us to leave immediately. We are told that our tires can be found in Quetta about 600km away from here, we leave reluctantly ,in this case happy for the police escort, at least we won’t rot in the desert… somehow something will happen.One hour passes as the sun heats the single strip of asphalt on this deserted plain, we hear a familiar noise…. another tire. We mount the only other tire we have left , it bulges alarmingly where the bead is already broken, and I pray to an unknown god. We reach Taftan in a mad race against time hurtling recklessly on the scorching road, the tyre has burst and for the last 500m we skid noisily on the rim coming to a dramatic , lopsided halt in the police compound…our new home for the next week. Mr.Yussef Khan the customs officer, is our much needed guardian angel. He feeds us sweet fruit, cold drinks….breakfast, lunch and dinner. This is a great help as we aren’t allowed to leave the police compound without an escort. Mr.Khan has contacts in Quetta and has promised not only to find us three spare tires, but has incredibly also offered them to us as a gift! .With this knowledge the wait, though tense is much easier to bare. Other tourists come and go and it’s a strange feeling not to be able to move, we sweat inside our 3 wheeled home, sitting on the jack waiting for happier days. Lusira is sick, dehydrated and weak and spends most of the time in the hot 40 degrees shade of the truck , whilst Luca and Giulio try to recuperate what is left of our old tires; swapping rims, sticking patches and watching in amazement as tyre ‘wallahs’ show them new tricks, inflating our tires in seconds with gas choreographic explosions. Darkness marks the ominous moment when the police station is besieged by hundreds of illegal immigrants transported from Iran. It’s a strange moment as hoards of men are silently ushered into overcrowded buses that will deliver them back to their relative states. Some are limping and still wear hospital shirts, but as my children point out to me, not all are long faced, some smile and joke. Perhaps this is the end of a long and frightening saga and they are now coming back to their hometown, and in some cases to their loved ones. With our 3 new old tires probably smuggled from military vehicles in Afghanistan, we reach Quetta in 2 days, with our ever changing police escorts. It’s a strange feeling entering; until now despite the kalashnikovs, the atmosphere has been relaxed, now there is a tightening of security. Police wear black t-shirts with ‘certain death’ written on them, sirens ring loud and other vehicles are ushered out of our way. We are escorted into the police compound with an armed bullet proof vehicle with guns pointed. We get fleeting glimpses of an immense sprawling city, hectic, colorful dusty markets, nomad tents, Afghan and Baluchi men walking hand in hand, and pungent plastic burning on every road side .Our police escort changes every 5 minutes in a well synchronized relay,it takes us one hour to reach the compound. We will have to stay for some time, this is perhaps the only place in Pakistan where we can replace our spare tires. We are parked on the dusty roadside inside this safe area reserved for police and their families. Children run around excitedly, and a tall bearded figure emerges from the crowd. It’s Dos Mohammed our new guardian angel, wearing a wide smile beneath his thick beard.We will freshen up and discuss over tea.I am a Taliban” he is speaking seriously and tells us what to him this signifies “my duty is to help others” He speaks of his family life contrasting, simple but joyful..no doubts, his road is laid out with simple rules.We spend the next week in his company and warm to his vision, so different to ours. He is a sincere and open man with a harsh past .As head of police logistics he is in constant contact with the huge security problems in this area. He speaks of instability created by the warlords, the drug market and daily terroristic attacks,as well as the newer but growing trade in human organs. I shudder at the images he congers up with such compassion.With much time and patience Dos and Luca find the tires. It feels good to roll away with tires blessed by our new friend. 

After the tiring drive in Baluchistan, we spend 4 short but intense days with my family near Islamabad, and with our batteries recharged we head north to Hunza. It is still very hot in this unusual October, and after a week of diarrhea and sickness, we gather our energies to organize a trek in these magnificent mountains. It’s been Luca’s dream for some time,and a good practice ground for our future trek in Nepal next spring. We meet our old friend Bashir and visit his small mine, an inspiring place for the children and intriguing new terrain for the study of things never before considered. After a week of convalescing in the grand field behind the prices residence in Karimabad, we finally head for the snowy peaks. It’s a kind of pilgrimage for us. We revisit the road that collapsed beneath the wheels of our truck 4 years ago. The road is even narrower and just as unsafe, but we pass with ease aboard a small jeep, stopping just for an instance to let the leap in time and spca make its full impact on us. It feels good, I’m ready to create new and different memories for this special place. The first night we battle with thin mattresses anticipating the view over the Passu glacier the next day. Giulio wears his rucksack with pride and races ahead with the three porters we hired to help with carrying food and other provisions. I know secretly he wants to be first and spot a small speck overtaking larger ones in the distance. The porters and Bashir our guide will sleep in the small shepherds huts along the way. As i sleep a tossing kind of sleep, wishing for fatter hips to rest on, i marvel at how delicate i am compared to our new friends snoring soundly just a few meters away. The crossing of the glacier is a truly exhilarating experience.The noise of falling crashing rocks, the shifting ice formations, and cool breath of the glacier make up a fantastic landscape that is hard to navigate. We use no ropes, but Farman, Reza and Habib chip ice steps with ice-hacks and offer steady hands to cross the most critical points. I treat Phaedra with vaseline shoes, but after three hours her puppy feet crack and she is happy to see dry land. To the children’s delight, during the cold night, the tent caves in . It’s snowing and by the morning our summer tent is a strange kind of sprawling igloo. We brush off the ice and wait for the sun with a hot chai’ We have a 5 hour vertical climb to the top of this mountain, one of many in the centre of an amphitheater of towering 7000 to 8000m peaks. The view is obscured in places by new clouds, but i feel privileged to be here, proud of my children and the grueling climb. In the small hut at 4,700m we meet 2 local men and discover to our amazement that one was the owner of the winch that pulled our truck up from our unfortunate fall 4 years ago. Their families were all involved in the rescue operation, and we soon have 2 new friends Murad and Khalid . The last day completes the adventure with a truly awe inspiring scramble up an unsteady slippy slate peak, and a grueling vertical three hour descent on the other side. We feel like true heroes when we reach the hut. It’s time to leave Hunza and move south again. I say farewell to Ramla my new and extraordinary friend with her daughter Sofia, future homeschooler, courageously swimming against the tide in more ways than one. She presents me with a beautiful serpentine bracelet, telling me of its curative properties, I accept the gift with gratitude knowing it will be fixed on my arm for the following years, a nice way to stay connected. Our 3 weeks in the family speeds by in a lazy rush, i enjoy my daily chats with my uncle Shadi, reminiscing of times past, the children play chess, color their hair and learn the many ways of making ‘Parantha’ with sweet Abida. A home away from home that feels good after 7 months of travel. Luca is busy with endless visits to the Indian embassy. Relations between the 2 countries is at an all time low. Embassy staff changes and after a good amount of suspense we receive the much needed visa to carry on our travels. After a last visit to our truck decorators for a new look,we are ready to leave.Pakistan Zindabad! Goodbye. 

LUSIRA:

Finalmente siamo in Pakistan , e’un altro mondo. In Iran c’è l’aria condizionata ed è tutto perfetto, invece in Pakistan c’è solo una capanna, dentro c’è un tavolino e una sedia . Al sud del Pakistan devi avere la scorta armata però può cambiare da un carro armato  a una moto con un anziano con le ciabatte aperte e un fucile che quando si ferma quasi cade .Il giorno che arriviamo alla casa dei parenti miei e di mamma e’ la Eid,  e’una festa religiosa come da noi la pasqua, però ammazzano una capra. Un quarto  della carne e’ per i poveri e metà e’ per i parenti. Stiamo solo tre giorni perché è troppo caldo, scappiamo  in Hunza dove l’altra volta siamo caduti .La abbiamo fatto un trekking di sei giorni nelle montagne . Il  primo giorno abbiamo scordato il sacco a pelo di Giulio , però il nostro amico Bashir  che è di Hunza e veniva con noi , e’ ritornato al camion e ha preso il sacca a pelo di Giulio . Il giorno dopo abbiamo  camminato tutto il giorno e abbiamo dormito in tenda ciò’ e’ i portatori hanno dormito nella capanna e noi abbiamo dormito in tenda . Mi e’ piaciuto del trekking quando  abbiamo attraversato il ghiacciaio , cerano montagne di ghiaccio ed era pieno di piccoli ruscelli. Bashir dice che i piccoli ruscelli sono delle fatine .Mi è’ piaciuto quando ha nevicato . Dormivamo e la nostra tenda è collassata perché era da mare e noi eravamo sotto la neve. La mattina dopo sembrava un altro mondo, sembrava che nella note avevamo volato in un altro mondo. Phaedra, quando ha nevicato, non voleva entrare nella tenda , non voleva entrare perché  ci  voleva proteggere , però quando è entrata ha dormito molto profondamente. Quando Phaedra ha visto la neve è diventata pazza , gli piaceva da matti,era diventata bellissima . Siamo ritornati dai parenti miei  e di mamma, e’ molto più fresco, alla sera devi mettere il maglione. Phaedra e’ stata molto brava nel trekking, ora è diventata molto grande .Noi pensavamo che sarebbe diventata un cane medio invece e diventata un cane grande . Dai parenti di mamma cio’ e’ Shadi, Abida e Zimran ,abbiamo fatto tantissime cose che quasi non ricordo . Abida ha messo l’henne sui miei capelli ,l’henné era del giardino e seccata nel ombra. Ho giocato tanto con i cani di zimran sopratutto Jimmy un cucciolo piccolissimo, ho insegnato a Abida a fare l’uncinetto, e ho anche imparato a fare delle calze con l’uncinetto, e ho anche imparato a fare dell calze con l’uncinetto. Ho giocato tanto a scacchi e ho imparato a fare 4 tipi diversi di ‘Paranta’. Abbiamo tutti mangiati tantissimi ‘gulab jamen’.    Finalmente abbiamo preso il visto per l’India , incontreremo dei amici tedeschi che hanno anche loro un camion, gli abbiamo incontrati quando abbiamo fatto l’altro viaggio, con loro andremo in India.

LUCA:

Pakistan Zindabad…. Grande Pakistan ……. sicuramente grande e’ la bandiera pakistana che sventola immensa nel vento rovente di questo settembre infuocato…..il nastro d’asfalto si interrompe oltre la barriera metallica, un ultimo saluto al gendarme iraniano e siamo in Pakistan. Negli ultimi 7 giorni ho smontato e rimontato le gomme del camion almeno 10 volte tentando di ripararle al meglio incollando pezze su pezze ma la struttura e’ ormai morta e tagli inquietanti si aprono a vista d’occhio, ogni poche centinaia di chilometri costringendoci a ricominciare tutto da capo. La polvere alzata dal vento oscura il sole pallido nel cielo bianco di sabbia e di calore mentre zigzaghiamo tra detriti, carcasse di auto, e mucchi di immondizie, seguendo la motoretta del doganiere che ci scorta alla caserma dell’immigrazione… Il camion si inclina, il sibilo inconfondibile dell’aria che si libera dalla gomma e in pochi secondi siamo sul cerchio, ma le ruote di scorta sono finite e con il rumore metallico del ferro che stride su i pochi resti di un asfalto di altri tempi entriamo nella caserma. Evviva siamo in Pakistan….. e qui resteremo per un pezzo. Siamo su tre ruote e un cric. Comincia una ricerca che si dimostra subito quasi impossibile, qui a Tafatan non c’e quasi niente tanto meno le nostre insolite gomme e in più’, per ragioni imprecisate di sicurezza, non possiamo uscire dalla caserma. Sotto il ventilatore nella stanza dell ‘’Immigration Office’’ un signore molto distinto con la barba bianca curata come il suo immacolato shelvar chemis mi chiama in italiano quasi perfetto. E’ il capo, il grande capo, mi offre il te, mi racconta della sua esperienza italiana negli anni settanta a bordo di una fiat 125 da Lahore a Napoli passando da Kabul e Venezia. Grazie a lui dopo 5 giorni di ricerche e molta apprensione all’ alba sul retro di un pickup sono arrivate in regalo tre meravigliose Michelin XZL gemelle delle nostre defunte gomme. I contatti del nostro Yussef, le hanno scovate a Quetta, città’ di frontiera dove dal Afganistan arriva di tutto, armi, droga, motori, gomme, aeroplani, il grande business del mercato di guerra. Un’altra disavventura che il destino ha trasformato in una esperienza e in un piacevole ricordo….La saga delle gomme si conclude a Quetta, città’ blindata dove la pratica sistematica del terrore sta strangolando la vita civile. Attraversiamo la città’ scortati davanti e dietro da uomini armati di tutto punto con la torretta della mitragliatrice che ruota nervosamente a destra e sinistra. Dost Mohammed responsabile della sicurezza della polizia ci accoglie con un grande sorriso camuffato dalla lunga barba, trova un posto per il nostro camion all interno dell area dove vivono le famiglie dei poliziotti e riempe subito il nostro tavolo di dolciumi per Giulio e Lusira e di piccantissimi samosa per noi. Sorseggiando l’ennesimo te della giornata lo informo della disastrosa situazione delle nostre gomme; ne abbiamo tre buone ma la quarta ha un lungo taglio e scorte niente’, ora so che a Quetta si trovano e ho assoluto bisogno di averne almeno altre due, ma siamo sotto custodia e non posso lasciare questa area cosiddetta protetta. Dost, pensa, sorride mentre ci racconta la sua storia, di mujaidin a 20 anni in Kashmir poi la lunga militanza con i talebani in Afganistan, quelli buoni dice lui, quelli che volevano fermare il traffico d’oppio, e di armi poi l’invasione americana i signori della guerra e del business che hanno trasformato quel paese in un inferno e ricominciato i loro sporchi traffici. Lo ascolto con attenzione , osservo le sue mani che delicatamente fanno girare la tazzina del caffè sul tavolo del camion e provo ad immaginarle serrate all’impugnatura gelida di un mitragliatore pronte ad uccidere un nemico inafferrabile. La sua vita e’ cambiata, il suo credo no, senza esitazione, indifferente al mio ateismo dichiarato, sorride di nuovo, mi da appuntamento per il giorno dopo e si allontana nella notte disturbata dal rombo dei caccia militari che pattugliano il confine Afgano. Nell’aria fresca dell’ alba a bordo del tuk-tuk di Dost, in incognito e contro tutte le regole, attraversiamo la citta’ che lentamente si sveglia e raggiungiamo il vasto quartiere di Kabuli Market. I miei occhi girano vorticosamente tra le cataste di oggetti più svariati, ammucchiati con ordine nei piazzali; enormi turbine di elicottero, generatori elettrici, cannoni di autoblindati, apparati radio, funi e reti , e immensi rotoli di filo spinato, e ovviamente altissime torri di gomme di tutte le misure. Addossati al muro, su un grande tappeto dai colori sbiaditi, sei o sette uomini robusti e barbuti, discutono a gambe incrociate pacatamente, ci fanno sedere e immediato arriva il te bollente e ciambelle freschissime. Accetto, saluto, sorrido e goffamente mi siedo, impaziente di andare a curiosare tra le ruote. Dost racconta la storia di questa anomala e simpatica famiglia che scorrazza per il mondo, io ammicco e con le poche parole di urdu che conosco, ringrazio per l’ospitalità’.Pochi minuti di ricerca e due perfette bridgestone vengono spinte fuori dalla torre di ruote, le controllo con attenzione…. sono perfette….non potevo chiedere di più alla sorte.Un lungo abbraccio con Dost qualche foto e la promessa di mantenerci in contatto sono gli ultimi ricordi di Quetta e del Balucistan dove nonostante la pace sia solo un sogno, la vita scorre normale.Saliamo i lunghi tornanti che conducono a Babusar ben oltre 4000 metri, il caldo di Islamabad e’ un ricordo, qui l’aria dell’Himalaya scende gelida dai canaloni rocciosi, i fiumi sono impetuosi e bianchi di sabbia erosa dal granito. L’orizzonte e’ una corona continua di cime ben oltre i 7500 metri….. il cielo e’ blu intenso e le nuvole avvolgono di tanto in tanto le cime più alte…..Bashir ci aspetta a Karimabad, sono passati oltre quattro anni dall’ultima drammatica volta che ci siamo visti, quando il nostro camion e’ precipitato sul fianco di una di queste montagne. Lo spettro di allora e’ ormai lontano nella memoria, e inaspettatamente ci ritroviamo a salire con Bashir le stesse mulattiere di allora, ma con un altro spirito. Portare Giulio e Luisira su queste montagne solitarie e remote e’ una sorpresa inattesa , siamo solo noi quattro più Bashir e tre portatori, senza di loro sarebbe impossibile. Mentre salgo la ripida morena del ghiacciaio riaffiorano nella mia mente immagini dell’ infanzia, la montagna vissuta a fianco di mio padre, l’odore dello zaino un misto di polvere e di metallo dell’attrezzatura, il sibilo del vento e il silenzio non silenzio delle grandi pareti. Giulio e Lusira avanzano tra eccitazione e timore seguendo la traccia tra i crepacci. Il ghiacciaio vivo e pulsante esplode di tanto in tanto in boati quando i seracchi crollano. Guardo i piedi dei miei figli che ricalcano attenti le impronte e gli scalini tagliati nel ghiaccio verde e ascolto e rispondo alle domande infinite che si accavallano nella loro mente vulcanica. Questo e’ un vero apprendere, una miscela di esperienza e conoscenza che si cementerà’ indelebilmente nella loro mente. Il tempo scorre veloce, i mesi si accavallano ed e’ tempo di lasciare questa valle incantata. Saluto l’amico Bashir con il desiderio forte e determinato di tornare e salire con lui ancora più’ in alto, in cima ad uno dei tanti innominati picchi che fa da sentinella ai tre giganti Nanga Parbat, Rakaposhi e Shispar .

GIULIO:

Noi abbiamo avuto la scorta più’ forte del mondo, era un soldatino di 90 anni con i sandali aperti. Aveva un capellino rotondo e la sua motoretta, e quando si fermava, la motoretta ballava e l’omino di 90 anni quasi cadeva. Si e’ arrabbiato da morire quando dovevamo cambiare scorta, perché’ dormivano tutti e allora doveva continuare lui, ma dopo arrivo’ un altro omino, sulla moto. Pero’ mi e’ piaciuta anche Hunza, e’ un paesaggio bellissimo. A me e’ piaciuto anche il trek, e mi e’ piaciuto scordare il sacco a pelo e mi e’ piaciuto passare il ghiacciaio, sempre tante avventure, ma la cosa che mi e’ piaciuto di più’ delle altre e’ stato quando la tenda e’ collassata. Noi stavamo dormendo e la tenda ci e’ caduta in testa ma noi abbiamo continuato a dormire, la mattina dopo, alle 5 della mattina, a papa’ gli scappava la cacca e allora usci’ e sembrava un paesaggio mai visto. Era pieno di neve, ecco perché’ nella notte la tenda era collassata, per il peso della neve e papa’ usci’ dalla tenda e tolse tutta la neve e poi io mi sono alzato e ho bevuto il te e ho fatto un pupazzo di neve e poi abbiamo iniziato a salire la salita ripida. Il giorno dopo noi siamo passati su un sentiero terribilmente pericoloso e allora io e Lusira ci siamo legati con papa’ . C’erano sassi che pendevano e che potevano cadere in ogni momento, come se c’era un gigante che ci camminava sopra, come dei sassolini che cadevano dai passi del gigante. E poi siamo scesi da una discesa tremenda e siamo arrivati ad una capanna dei pastori e un amico mi ha regalato una testa di ibex e abbiamo fatto dei flauti con delle canne trovati, e la mattina dopo siamo arrivati al camion.


Iran

Heat and Hospitality 

This slideshow requires JavaScript.

Sweet tea
White sugar cubes between tight teeth
Wide smiles, questioning eyes
Open hearts, open houses, flat bread and
sticky sauces
Low houses, mud , straw, knitted stone walls,
silver roof tops
Soft fragrant herbs, mysterious grasses
Hand cut hay in neatly wound bundles
Steep slopes, summer harvest
Stark mountains layered grey and rusty
Rice valleys
Heavy white heat, hot splintered nerves,
cool whistful breezes
Night visits, torches, worried voices
Do you have enough water, naan?
Come to my house, cool down, clean up
Farsi? Kurdi? Turkish? English no speak!
Wide carpets, bare feet….Share the evening

When people told me that Iran is the most hospitable country, i couldn’t imagine to what extent. I feel truly humbled by the kindness and open heartedness shown to us throughout the country.To thank all individually would need a long list and good memory, so here are but a few of our new found friends: Thank you Maryram and Mojgan two young students who fed us and unexpectedly entertained us with volley ball, shooting practice and visits through hazelnut orchards. Thank you Mayram and Majid photographer and musician, for your bubbling energy and enthusiasm,sweet Persian melodies and passionate, humorous and intelligent conversation, and of course for our guided tour around Quazvin.Thank you to our beautiful Mashad family, who put up with us for almost two weeks! Mr Zarif with his quick humor and efficient practical ways, to Sayareh for her big heart and smile and her many stories and delicious omlettes, and thank you Davoud filmmaker and screenwriter for your good company, exchanges and continuing friendship….we really hope to bother you again in the near future! Thank you Abdol Hoseyn Vahab Zadeh for letting our children play in your unusual oasis in the centre of the city, and allowing us to pry into the daily routine of the Natural school ,thank you too Mahsa and Terme.Finally thank you Ali for your help, for a warm meal and a friendly ear in a difficult moment. Thank you to Ramnaz and her family in Zaidan who heroically stayed by our side under the hot sun and solved our problem with prompt phone calls late into the night.……Marbani

_dsc8002

Giulio:

Tutti i giorni

Il cavallo di Allah

Vola su,su,su,su su,su

Con gli uccelli

Ed entra con gli uccelli

Nel cancello del cielo

 

 

 

L’aria e’ fresca ma infinita
il fuoco e’ bollente ma intelligente
e gli umani sono stupidi
ma invincibili

 

_dsc8000

Il mondo e’ la testa di un gigante

che cammina nell’ universo

e quando facciamo le strade

gli rasiamo i capelli

 

Luca:

Esattamente 20 anni fa sono passato per questa stessa frontiera Dogobaiaz/ Tabriz, che separa Turchia ed Iran, ma in direzione opposta rientrando dal subcontinente Indiano in sella ad una vecchia e rombante Royal Enfield acquistata a Delhi dopo aver venduto il biglietto aereo che avrebbe dovuto riportarmi a casa. La gigantesca immagine di Komehini che brucia la bandiera americana dipinta sopra il grande cancello della Repubblica Islamica Iraniana e’ solo un ricordo lontano nella mia memoria. Ora anche qui il ‘poitically correct’ ha preso il sopravvento e tutto e’ moderno, pulito, ed efficiente oltre modo….. niente piu’ guardie rivoluzionarie in camicia nera e barba curata, niente piu’ slogan anti imperialistici. L’imperialismo del resto ha vinto e la mela di Cupertino fa capolino qua e la ovunque…..

Tutto scorre perfettamente, la rinomata gentilezza iraniana supera i miei stessi ricordi e in poco piu’ di un ora siamo liberi di continuare il nostro viaggio. Il caldo di meta’ luglio in questo altopiano vulcanico, coperto di rocce nere ci spinge subito tra le  montagne che circondano la zona e in pochi chilometri siamo a quota 2500 metri. L’aria e’ piacevole il cielo e’ blu intenso e i prati un po rocciosi mi ricordano l’appennino. Sono giorni di riposo dopo la pazzesca corsa attraverso la Turchia…… tutto rallenta e il ritmo  del nostro normale viaggiare cala,  deviato dai continui inviti che riceviamo. E’ un viaggio tra la gente che  incontriamo e ci fermiamo ovunque ci viene offerta ospitalita’: a casa di un tecnico di radiologia da tempo in pensione con pochi denti ancora saldi e tanta voglia di parlare, da due giovani studentesse con la passione del fucile e tanta curiosita’ per il nostro luccicante occidente, da un simpatico contadino con tanta uva e frutta nei terrazzi strappati a forza dai suo antenati alle costole ripide della montagna e da Maryam e Majid che ci hanno accolto come vecchi amici nella loro casa di Qazvin tra meravigliosi strumenti a corda costruiti e suonati con suprema maestria da Majid.Le sue melodie persiane hanno accompagnato le nostre sere fatte di intense discussioni e racconti reciproci. Di queste lunghe sei settimane ricordero’ nel tempo forse solo le tante persone che con sincerita’ ci hanno aperto le porte delle case, senza scrupoli e senza forzature ….. ricordero’ Mr. Zarif e la sua straordinaria famiglia, la risata piena di vita di Sayareh, e il pragmatismo di Davoud che mi ha mostrato un Iran illuminato e moderno purtroppo compresso dal potere dogmatico, irrazionale e miope. Il lungo tragitto da Mashad, la citta’ simbolo dei pellegrini dell’ Immam Reza, e il confine con il Pakistan, nel  Balucistan, terra marginale di trafficanti e faccendieri, e’ occupato dal grande deserto di Kevir e di Lut , che ci ha catturato riaccendendo in noi la smodata e incontenibile passione per questi spazi incontaminati e solitari. Per giorni abbiamo girovagato tra pianure deserte di ciottoli e cordoni di dune, intervallati da villaggi di nomadi abbandonati, lungo vecchie tracce segnate solo sulle mappe militari Russe che ci accompagnano da anni, rimpiangendo un po’ di essere qui nella stagione calda, sbagliata per una lunga traversata di questo splendido deserto.La solitudine del deserto ha magicamente imprigionato l’intimita’ della nostra famiglia, senza veli , senza obblighi e senza falsi pudori. Gli ultimi giorni, nel caldo rovente del Balucistan, forse sotto l’effetto di una malaugurata maledizione le nostre ruote hanno cominciato a perdere pezzi, una dopo l’altra in un susseguirsi angosciante di forature ed esplosioni…… rendendo il tragitto alla frontiera del Pakistan un’odissea…..piena anche essa pero’  di piacevoli incontri e sinceri aiuti.

Oggi a distanza di 20 anni dal mio primo viaggio in Iran posso solo confermare che questa antica terra, ricca di storia cultura e tradizioni non ha assolutamente perso la sua identita’ e il suo carattere nonostante le pressioni e le forzature subite.

 

Lusira:

 

14

Siamo finalmente in Iran. Povera Fedra deve tenere la pipi. Dalla dogana si vede il Monte Ararat dove c’e’ sempre la neve. In Iran tutte le donne devono tenere le fasce sulla testa per legge….quante complicazioni!

_dsc8003Ci sono delle cose che mi mancano dalla casa 

Mi manca Sukki con i suoi occhi grandi e verdi e il suo muso bagnato, e il suo odore di muschio.

Mi manca il mio tessuto con cui vado su, su, su e da lassu vedo il sole che tramonta.

Mi manca il circo dove imparo tante cose_dsc8004

Cosa penso dell’ Iran:

Mi e’ piaciuto dell’ Iran fare il pane nella sabbia . Mi e’ piaciuto quando e’ venuto un signore abbastanza anziano e ha cominciato a parlare in Farsi che e’ la lingua che parlano in Iran, pero’ noi non capivamo niente , ma, lo stesso, papa’ diceva sempre si,si,si,si. Avevamo gia’ cenato e eravamo pronti per andare a letto quando ha bussato alla porta di nuovo il signore, questa volta con un altro signore che sapeva parlare Inglese, e ci ha invitato a casa suo, pero’ noi eravamo gia pronti per andare a letto. Allora ci siamo rivestiti e siamo andati nella cabina avanti. Alla fine pero’ e’ stata una serata abbastanza piacevole a bere il te’ e mangiare il melone a mezzanotte. Mi e’ piaciuto andare a Mashad ed incontrare delle persone molto ospitali. Mr.Zarif raccontava sempre storie buffe e Sayareh che rideva sempre quando raccontavamo le storie. Davoud che cucinava e che da piccolo pensava che era una cosa che non doveva fare. Ho visto la tomba di Imam Reza sempre piu’ pieno di persone, con persone che lo toccavano e piangevano.

 


Turkey

This slideshow requires JavaScript.

Sameena writes:

Turkey passed by in a blur. After a relaxing day in Troy, a tense night watching soldiers take over Istanbul on a foreign t.v. screen. The words are incomprehensible but the tone is alarming. A coup? Boarders are closed and flights cancelled, everyone is tense. We’ve taken a ship across to Canakkale and are at the wrong side of this sea to simply drive back to Greece. A sickening feeling of deja vu haunts our sleepless night. Flee as fast as possible or wait, watch and measure? In Syria in 2011 we fled and drove into trouble and unrest. We will wait. It’s quiet here, a village of 1000 people, only the campsite owner makes me nervous. As we gather around the television thirsty for news, he promptly switches it off, turns up the music and walks away. His words are calming but he is visibly nervous and irritated with us. The next morning a Turkish family immigrated to Germany turn back to Greece. We wait with another young couple of travelers heading to Mongolia. I spill out 2 full buckets of lego on our carpet outside and the children sit in the shade making ‘ satellite plane car scooter boats” We feel defeated, it’s more than 2 months that we’ve been trying to move forward and are stopped at the last minute for one reason or another…a message? We hold a family meeting at lunch, eating Turkish meatballs and fried aubergines in the sticky shade of the restaurant. Two vote to go back and two to go forward…stale mate. I try to explain to the children what happened last night in Turkey and what the latest news seems to be showing. Giulio looks in amazement

Why are we wasting our spit talking! If the president has arrested all the military trying to take over, there is no more danger anymore. Let’s go to Iran!

The logic is impeccable and in three fast days of driving we are beneath Mount Ararat Welcome to Iran”

DSC06235

Giulio scrive :

La Liberta’

Le Alpi, i libri,

la scrittura e i animali

e le nuvole di forme diverse

Ma dove si trova la liberta’

a mani nude

volando come i uccelli

storie belle e vita bella

Il Mondo

Tutti i giorni la penna del mio libro scrive

pagine per pagine le storie finite

nella bocca  del mondo

Luca scrive…..

Dopo lo stallo in Grecia , e la fuga sul monte olimpo in cerca di fresco per finire il lavoro di editing finalmente vediamo sventolare la bandiera turca alta sul pennone al confine dietro una lunghissima fila di tir che aspettano i lunghissimi controlli doganali……

RX per il nostro camion ma niente controllo ne a noi ne al nostro carico…. nessuno si accorge che abbiamo un cane…. alla faccia di tutte le raccomandazioni, i documenti necessari per passare le frontiere le eventuali quarantene e via di seguito….solo 25 euro di visto per Sameena con il suo bel passaporto Britannico.

Il caldo di meta’ luglio, la poco voglia di vedere grosse città’ e l interesse mostrato da Giulio e Lusira di visitare Troia di cui hanno sentito parlare nelle storie greche ci portano lontano da Istanbul lungo la costa che va verso sud e con un piccolo traghetto siamo oltre il canale a Canakkale vicino a Troia.

Un piccolo campeggio, una coppia di giovani viaggiatori tedeschi in rotta verso l Australia, due chiacchiere dopo la visita d’obbligo al sito archeologico, e il falso sorriso del proprietario e della sua antipatica vecchia mamma incorniciano questa prima giornata in Turchia……mentre ricordi lontani di oltre 30 anni fanno eco nella mia mente.

Il sole tramonta, il caldo lascia posto ad una fresca brezza serale tutto e’ tranquillo i bambini dormono il sonno dei giusti e sul telefono scorro le ultime notizie…..sembra quasi un “deja vu’ “ del 2012 quando le rivoluzioni ci seguivano o anticipavano di poche ore….. colpo di stato in Turchia carri armati bloccano i ponti a Istanbul aerei militari sorvolano a bassa quota Ankara…. primi scontri, insicurezza paura…. in pochi minuti e pochissimi click sullo schermo del telefono e la nostra realtà’ e’ ribaltata….. da felice famigliola in giro per il mondo per far crescere i figli liberi e spensierati all angoscia di trovarsi in un paese in rivolta….. la notte e’ lunga le notizie frammentarie , gli amici nottambuli in europa ci aggiornano dai divani di casa ascoltando commenti e commentatori europei……notte insonne e piena di incertezze… che fare? La notte per quanto breve porta con se un consiglio, e la mattina decidiamo di non fare nulla, aspettare….. qui a Troia tutto e’ normale le pecore nei pascoli i contadini al lavoro sui trattori nuovi fiammanti e il muezzin instancabile che chiama tutti alla preghiera. Consiglio di famiglia al tramonto con Giulio che suggerisce di proseguire visto che “il presidente ha arrestato quindi che problema c’e”? e Lusira che diplomaticamente dice “si può’ anche tornare in dietro ma in Mongolia comunque voglio arrivare…”.

Due diverse realtà’ una dentro il video della tv piena di immagini ripetute a sfinimento una fuori oltre il piccolo muro che ci separa dai campi che circondano Troia…. dove la vita continua come se nulla fosse accaduto…..

All’alba accendo il camion lasciando tutti dietro e in pochi minuti entro in una bella e moderna autostrada che corre verso est….. perseguiamo in fretta, anzi di corsa ma proseguiamo….1950km in tre giorni evitando tutte le città ma senza motivo perché’ la gente sorride e sembra ignorare ciò che e’ accaduto….. e ripenso alle parole dell’illuminato amico dentista di Ankara che al telefono mi ha sussurrato “non ti preoccupare e soprattutto non cambiare i tuoi piani e’ solo uno sporco gioco del presidente”

Lusira scrive:

Siamo gia’ in Turchia e gia tutto cambia…le signore che fanno il bagno vestiti.

Siamo andati a vedere il sito archeologico di Troia. Era molto bello, abbiamo sentito con le cuffie tutta la storia di Troia, e ho scoperto tante cose. Ho scoperto che Achille e stato ucciso proprio qui su una rampa della città’.

DSC06185

Tutti gli uccelli sono nei alberi che cantano. E’ gia’ Luglio e il cielo e’ sempre piu’ blu, e le giornate sono sempre piu’ lunghe, e l’erba e’ sempre piu’ gialla, e tutte le farfalle che svolazzano fra i fiori.

_DSC7340

E’ l’ultimo sera in Turchia. Domani attraverseremo la dogana e entreremo in Iran. Siamo su un campo, Fedra e’ sempre piu’ affettuosa e grande, le rondini sono sempre piu’ in alto.  


GREECE 2016

Sameena : Greece has again embraced us in an unexpected way. We were supposed to stay a short time, just enough to relax and find our traveling feet, but again fate has had other plans. My Iran visa is long in surfacing from the beaurocratic machine (British passport with Muslim name creates suspicion on all fronts) and an unexpected job has kept us here for 6 weeks!! Time enough to savor this beautiful country and contemplate (already!) other routes should my visa not submerge.

Lusira and Giulio say that Greece reminds them of Tunisia; no helmets or seatbelts, loose traffic rules, good yoghurt and free spaces, people are extremely welcoming …and the straw umbrellas on the beach are even free!

Our first weeks are spent with old and new friends (Thank you Nikos and Khara for your hospitality) and in the happy company of my nephew Ben, who came on board with us for 4 days. Luca made the most of his acupuncture skills and Lusira and Giulio, made the most of his infinite energy and patience in games of ball, climbing excursions and jellyfish fights. The last 5 weeks have been spent in the company of two sweet and wonderful people George and Vania. With an urgent editing job to do they kindly picked us off the seafront,and opened their house and hearts to us. Our energies mix and flow, we infect them with thoughts of trucks and freedom and they have infected us with their unselfish love for all creatures….we now have a puppy. A heart not a head decision,it’s for sure a complication to our simple life, but a very welcomed one. I feel she marks a new period.

.So this blog text, is again out of date! We were again stopped in our tracks this time just 12km from the Turkish boarder after having revisited our old friend Giorgo from Epanomei., and now another month has passed. A quick U- turn back to Athens to a recording studio, and then slowly back up north. Whist i yet again stare into the computer monitor with my eyes rebelling against their sad destiny (where have the beautiful horizons gone?) The rest of the family scratch deeper into the Greek culture. The sweet scent of herbs tucked in the cracks of wild boulders mingle with fantastic tales of ancient Gods and Goddesses that Lusira and Giulio have become obsessed with. They collect thyme and capers on the seafront and breath in ancient landscapes in Delphi and the Meteore…Our last stop, the mighty Mount Olympus a fitting place to finish their books and my job. Luca goes shopping by foot with the children in a small village nearby, as i make the most of the sun on our chosen hillside at 1200m, to keep me cool and my computer batteries high (i would of course have preferred it the other way around! me high…) After 12 days i can finally remerge .We all feel victorious, and celebrate with a short trek up to the top of the mountain,with wild goats whistling at us as the clouds rush past in a fantastically clear sky. It’s definitely time to leave, but i already feel nostalgic for this beautiful country.

This slideshow requires JavaScript.

Luca racconta: L’ultima volta che ho scritto sul blog avevo il mio cappello pastun di lana, l’aria era fresca e con stupore ed ammirazione guardavo i nostri figli sguazzare nell acqua gelida dello Ionio ad Aprile…… da allora un buco enorme si e’ aperto davanti a noi…e al nostro viaggio, e quasi sembra abbia ingoiato, famelico, gli ultimi 90 giorni…. Raccontare tutto sarebbe lungo e noioso ma anche questo buco, come tanti altri che in passato abbiamo conosciuto, e’ un aspetto del nostro modo di viaggiare…. lasciare che siano le circostanze a determinare il nostro progredire verso una meta sempre molto incerta. Dopo tre mesi siamo ancora in Grecia molto vicini alla frontiera turca, ma non ancora altre quella linea immaginaria che separa, sulle carte, terre, popoli, culture, e spesso anche tristemente i destini di intere popolazioni. In tre mesi abbiamo nell’ordine: rimontato l’intera serie di documentari che in maniera un po’ roccambolesca quanto improvvisata finira’ tra qualche mese sugli schermi di mezza Asia, Sameena si e’ trasformata inaspettatamente in doppiatrice di se stessa in un studio di registrazione ad Atene, infuocata dal sole di fine Giugno, abbiamo ricevuto il visto dell’Iran dato ormai per perso dopo 8 settimane di attesa e sbloccato il conto bancario che era finito sotto tutela da un non precisato organo di controllo per aver indicato la parola ”Iran” sulla causale del pagamento del visto stesso….e ovviamente vissuto la quotidiana intimita’ familiare nel nostro camion, in posti molto belli, ma anche in quelli normali, dalle spiagge bianche della penisola kalkidika ai pascoli in quota del monte Olimpo.

Tre mesi di viaggio senza kilometri percorsi, senza itinerari e localita’ turistiche raggiunte, ma con tanti incontri e la scoperta di una terra ospitale e sorridente, la Grecia dei greci, dei continui “ti kanes?” ( come va?), delle cortesie senza ritorni e doppi fini, degli inviti sinceri a condividere una fetta di feta o un suvlaki davanti al mare o sulla cima di un monte.Questi lunghi mesi in Grecia hanno impiantato il seme di nuove e profonde amicizie, e il sorriso timido ed emozionato di Wania, la sensibilita e l’ospitatlita’ esplosiva di Jorgos non saranno certo cancellate dall’effetto sbaidente della memoria.So che in ogni momento potro’ tornare, per un giorno, un mese o un anno nella loro casa e sentirmi sempre parte di essa e non un ospite…..

Lusira racconta:

Tante cose possono accadere in una settimana. Abbiamo incontrato una coppia interessante scappati da Atene, venuti in cerca di liberta’ e a vivere in campagna. Subito diventando amici, ci invitano a cena dove hanno 11 cagnolini trovati con la mamma. Era la prima volta che vedevo dei cagnolini cosi piccoli. Dopo qualche giorno decidiamo di adottare una cagnolina, ero felicissima! Dopo aver provato tanti nomi decidiamo di chiamarla ‘Fedra’ (Phaedra) che vuol dire ‘luminosa’.

Giulio racconta:

Adesso non vi racconto del cammello perche’ sono successe delle cose che mi piacciono molto piu’ del cammello ( il cammello velo racconto un altra volta)

E tanto, ecco dove inizia la vera storia: Noi abbiamo incontrato Giorgo e Vania. Giorgio e’ un maestro da sci nautico ed era anche un campione. Io ho detto di ‘si’ e il giorno dopo io e Lusira siamo andati, e io ero il primo e sono andato prima sul bastone e quando ero sulla corda mi sembrava di volare come una piuma. Dopo era il turno di Lusira e alla fine sulla corda e’ caduta come me.

 


OFF WE GO, salam aleikum!

So we leave again this happy hill in the centre of Italy in search of wider horizons, and this invisible dialogue between us starts up again. Four years older and with our truck rebuilt and restored we head again for Asia to pick up on the many things and places we somehow missed on or last trip . Our route is loosely planned and open, oscillating around 4 fixed points:
Pakistan to visit the family, Northern India for part of our filming project, Nepal for a one month trek in the Everest region and Mongolia probably in the summer of 2017.
This time the blog will be written by four different hands. My apathy has unexpectedly and rather joyfully inspired the rest of the family to take over. I will write in English and the rest of the family in Italian.The timing of our posts will probably be erratic so if you want updates you can ‘follow’ the blog and be updated every time we post.  So here goes…

This slideshow requires JavaScript.

SAMEENA :

The most confused, disorderly and uninspiring departure we ever made. Undecided whether to leave in modest silence or with fanfares and jingles, engrossed in a liturgy of endless ‘things to do’ heads bowed over growing lists, we definitely missed the mark. Unable to decide whether to adhere to the categoric Italian  superstition where one should never leave on Friday or Tuesday, our loading activities finally ceased on Thursday night after a frenzy of activity, leaving us exhausted. Our saving grace an improvised breakfast with Luca’s mother and brother on Friday morning, where ominously the lights in our chosen bar went out along with the coffee machines and the possibility of a last Italian cappuccino.

The ritualistic mental preparation got the upper hand and suffocated the bitter sweet joy of departure..and yet, just one and a half hours down the road, our trip has begun. At the port of Ancona, we decide not to take todays ship, but to postpone until tomorrow and to sail with the same ship that heroically brought us home 3 years ago after 22 months on the road. The symmetry is pleasing and sets the tone for a sweet departure. Symbols ,signs, finding order in the universe of possibilities and harmony in our choices, silently guide  our movements. This time the horizon of our return is set far ahead. We have no impelling  need to come back, the ultimate official obstacle has  been overcome, and it is now almost 2 years that we have been joyfully home schooling our children. I can see no better way to integrate their learning experience than letting them be part of the world that surrounds them.

GIULIO:

Io sono in Grecia, e vi racconto di quando ero in Douz (Tunisia)

Io stavo giocando con Lanis che lei mi doveva acchiappare. Io stavo gattonando vicino ad una palma e una spina mi è entrata nel dito , e sono andato all’ospedale e quando sono tornato al camion, Lanis e Lilas e Lusira mi avevano comprato un po’ di cioccolato, e ho diviso il cioccolato e siamo andati a dormire.Nello stesso inverno abbiamo salvato un cammello però questa storia ve la racconto un’ altra volta

ciao ciao a tutti voi

LUCA :

gr24

Alla fine siamo partiti, il traghetto ci ha trasportato senza accorgerci in Grecia. Pioggia e sole si alternano rapidissimi ,il mare blu intenso è calma nella baia, e Giulio e Lusira tentano di superare il freddo del ‘acqua di Aprile.La costa è frastagliata e le isole punteggiano questo tratto di ionio, con la macchia mediterranea in piena fioritura che riempie l’aria con il suo profumo selvatico. E’ il compleanno di Lusira e come promesso ci accampiamo in una piccola baia che guarda Itaca, il villaggio è in piena attività, tutti tagliano ,riparano e riverniciano ciò che l’inverno ha danneggiato.

In questi primi giorni di viaggio il tempo sembra non scorrere veloce, ed io lentamente mi sto riabituando ai ritmi del viaggio, ai movimenti misurati nello spazio contratto del camion.Cerco di concentrarmi sul nuovo film, dare ossigeno all’idea embrionale che da tempo mi galleggia in testa ma senza grossi risultati…..arriverà di sicuro al momento giusto l’ispirazione e lo stimolo ad iniziare, a raccogliere quelle immagini prima confuse e caotiche che  poi si trasformeranno in un racconto.

LUSIRA:

Grecia 17.04.2016

Ieri siamo andati al mare. Io e Giulio abbiamo salvato le meduse. Quelle con le teste rosse sono ancora vive invece quelle con le teste bianche e dure sono quasi morte e quelle con la testa morbida e bianche sono completamente morte. Giulio dice che e meglio bruciarsi che farle morire, anch’io sono d’accordo

lus 2lus 1lus 3lus 4

 

 


T.V. series……..

36La serie,  ‘Fuori Rotta Verso Oriente’  da noi prodotta, e divisa in 5 episodi,  andrà in onda su Rai5 , canale 23 digitale terrestre  ogni sabato  alle 18:30 e in replica ogni domenica alle 13:15 circa,  (verificare gli orari sul sito RAI5.)

Gli episodi si possono anche vedere in streaming e le puntate precedenti su RAI REPLAY, indicando data e canale.

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c41f6fe7-2de9-43b2-8070-f1149792e684.html

Sul digitale terrestre il numero del canale dovrebbe essere 23.

Buona Visione!

Just for who ever has access to RAI 5, for the next 5 weeks our 5 part series ‘Fuori Rotta Verso Oriente’ will be shown every Saturday at around 18.30 (or later, they change every week!) and on Sunday morning at around 1:15. The episodes can also be seen in streaming and the older episodes can be accessed on internet at RAI REPLAY clicking  on date and channel. I think in Italy it can be accessed on channel number 23.

Happy viewing!